Conto Termico: come calcolare il tuo incentivo

calcolatore conto termico


Ecco come calcolare in 2 step l’ammontare del tuo incentivo Conto Termico 2.0. Vuoi sostituire un apparecchio di riscaldamento obsoleto con una stufa o caldaia a legna e pellet con più rendimento termico e meno emissioni? Scopri quanto ti spetta. 

Continua a leggere

ItaliaLegnoEnergia 2015

ItaliaLegnoEnergia: con AIEL, in/formazione su tecnologia, incentivi, biomasse

Torna ItaliaLegnoEnergia: design, tecnologia, energia: appuntamento alla Fiera di Arezzo dal 24 al 26 marzo. Anche quest’anno Aiel, sponsor tecnico, offre un programma di convegni e workshop per formare e informare sul mondo dl riscaldamento a biomasse.

Continua a leggere

Conto Termico 2.0, l’incentivo dell’efficienza energetica

Migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione e contemporaneamente risparmiare denaro? Oggi si può, grazie al Conto Termico 2.0 e alle detrazioni fiscali che premiano chi decide di investire per migliorare l’efficienza dell’impianto di riscaldamento domestico sfruttando fonti energetiche rinnovabili ed ecosostenibili.

Sono tre le procedure standard non cumulabili tra loro con le quali soggetti privati ed imprese possono accedere agli incentivi garantiti dalle detrazioni fiscali del 50 o del 65% sui costi energetici e di riscaldamento degli immobili e dal nuovo Conto Termico 2.0. Tutti e tre gli interventi mirano ad incentivare gli investimenti per l’efficienza energetica, promuovendo non solo fonti di riscaldamento ecosostenibili ma anche impianti all’avanguardia dal punto di vista tecnologico capaci di ridurre drasticamente le emissioni di polveri nell’ambiente.

Conto termico 2.0

Detrazioni fiscali del 50%

Le detrazioni del 50% sul costo complessivo dei lavori di installazione di un nuovo generatore a biomassa (costo della stufa o del focolare, manodopera o accessori) corrisposte sotto forma di detrazione dall’imponibile lordo IRPEF in dieci rate annuali, sono lo strumento più semplice a cui accedere. È sufficiente che l’impianto installato abbia un’efficienza energetica superiore al 70% e che, naturalmente, l’installazione sia eseguita a regola d’arte con il rilascio della Dichiarazione di Conformità DM 37/08 (obbligatoria per legge).

Detrazioni fiscali del 65%

Gli incentivi del 65% per la riqualificazione e l’efficienza energetica, definiti Ecobonus, consentono attualmente la sostituzione o la nuova installazione di focolari o stufe a biomasse legnose con un rendimento non inferiore all’85%. In questo caso la normativa richiede un’attestazione svolta da un tecnico abilitato che certifichi le caratteristiche dell’impianto e il rispetto delle normative locali per i generatori a biomasse. Più in dettaglio va certificata la conformità alle classi di qualità A1 e A2 delle norme UNI EN 14961-2 per il pellet e UNI EN 14961-4 per il cippato. Anche in questo caso l’accredito avviene in dieci rate annuali sotto forma di detrazione dall’imponibile lordo IRPEF.

Conto Termico 2.0

Il Conto Termico 2.0 prevede incentivi fino al 65% per la sostituzione delle vecchie caldaie e stufe a gasolio o biomasse con le nuove tecnologie di conversione energetica alimentate a biomasse legnose. Il nuovo generatore a biomassa potrà essere una caldaia, una stufa o un termocamino e l’incentivo sarà calcolato sulla base della sua potenza, della fascia climatica in cui l’edificio è ubicato oltre che di un fattore premiante che garantisce incentivi maggiori al calare delle emissioni di polveri nell’aria. Il grande vantaggio del Conto Termico 2.0 consiste nella rapidità di erogazione degli incentivi: per incentivi di importo fino a 5.000 euro, il rimborso avviene in un’unica rata, erogata entro 60 giorni dall’accettazione della domanda di incentivo. Per incentivi superiori a 5.000 euro il rimborso avviene comunque in tempi brevi, ovvero con due rate annuali. Inoltre, non si tratta in questo caso di una detrazione di imposta, bensì di un bonifico vero e proprio su Conto Corrente.

Per saperne di più su Detrazioni Fiscali e Incentivi Conto Termico clicca qui

Salva