[VIDEO] Pellet e ambiente, una correlazione che fa discutere ma è un falso problema


Ugo De Stefani intervista Annalisa Paniz

Che pellet e ambiente siano due termini non accostabili perché l’uso del primo danneggia il secondo è un dubbio ricorrente tra i consumatori, ma è importante sfatare errate convinzioni con dati alla mano. Il pellet è amico dell’ambiente e permette di riscaldare la propria casa in modo rinnovabile, sostenibile e nel rispetto della qualità dell’aria. Vediamo come.


 

Il pellet è un prodotto che lascia spesso disorientato il consumatore. Sembra tutto uguale eppure c’è pellet e pellet, e dal tipo di pellet dipende moltissimo la resa del generatore in cui lo si utilizza e, ancora più importante, il livello di polveri emesse dal camino.

Se dell’importanza di usare un pellet di qualità abbiamo parlato qui, molto resta da dire su un tema critico che riguarda la correlazione tra pellet e ambiente. Ma siamo sicuri che sia davvero un tema critico? Oppure è solo l’ennesimo falso mito da sfatare sul riscaldamento a biomassa legnosa?

Quanto pellet viene consumato ogni anno in Italia per il riscaldamento domestico? In quanti nel nostro Paese si riscaldano con il pellet? E, a fronte di questi livelli di consumi, come sta il patrimonio forestale italiano?

Ne ha parlato lo youtuber Ugo De Stefani insieme ad Annalisa Paniz, direttore Affari generali e relazioni internazionali di AIEL, in questo video:

 

 

Se questo video ti è piaciuto e vuoi approfondire la correlazione tra pellet e ambiente, del falso mito sulla deforestazione provocata dal riscaldamento a legna e pellet avevamo già parlato qui.