• Il locale caldaia dall’esterno, adiacente al corpo principale della casa in legno costruita da Ecostrutture

  • Locale caldaia della ETA SH 20, a legna, con accumulo inerziale da 1.000 litri

  • Il locale caldaia della ETA PU 11, a pellet, con accumulo inerziale da 500 litri

  • Il deposito del pellet con capienza da 600 kg

Dalla tecnologia di ETA riscaldamento naturale per la casa in legno

Luogo di realizzazione:  Sant’agata Bolognese
Anno di realizzazione: 2014
Azienda produttrice della caldaia: Eta-italia

In una lottizzazione a Sant’Agata Bolognese, due abitazioni in legno si riscaldano con caldaie ETA a biomassa legnosa: una a pellet (ETA PU da 11 kW) e l’altra a ciocchi di legna (ETA SH 20 da 20 kW).

ETA PU 11 kW. Per riscaldare 170 m² è stata installata una caldaia a pellet ETA PU 11 da 11 kW che lavora al servizio di un produttore istantaneo di acqua calda sanitaria e di un accumulo inerziale con capacità pari a 500 litri che, a sua volta, fornisce acqua calda all’impianto di riscaldamento radiante a pavimento a bassa temperatura. Da novembre 2014 a giugno 2015 il consumo di pellet ENplus A1 è stato pari a 1.300 kg. In tutta la stagione termica il cassetto per la cenere della ETA PU 11 è stato svuotato solamente una volta. Il pellet è conferito in bancale e i sacchi da 15 kg vengono riversati nel serbatoio del pellet di capienza pari a 600 kg.

ETA SH 20 kW. Per riscaldare 150 m² è stata installata una caldaia a legna ETA SH 20, da 20 kW, che lavora al servizio di un accumulo inerziale con capacità pari a 1.000 litri il quale, a sua volta, fornisce acqua calda all’impianto di riscaldamento radiante a pavimento. L’impianto è entrato in funzione a novembre 2014 e, per mantenere all’interno dell’abitazione una temperatura media intorno a 21 °C, ha consumato 25 quintali di legna (quantità riferita alla stagione termica da novembre 2014 a marzo 2015). La legna è stata acquistata a circa 14 euro/quintale, quindi il costo del biocombustibile per la stagione termica a cui si fa riferimento è stato pari a 350 euro.